Il nostro laboratorio

Contattaci

055.600546

Test per l'assunzione di sostanze stupefacenti e alcol sul lavoro

Laboratorio di Analisi Istituto San Lorenzo

Il Laboratorio, interno all’Istituto Analisi Mediche San Lorenzo srl, opera dal 1981 con certificazione di qualità in conformità alla normativa UNI EN ISO 9001:2008 (cert. SQ00332). Vi lavora un gruppo di biologi e tecnici di grande esperienza, con moderne strumentazioni analitiche periodicamente aggiornate.  

Verifica dello stato di tossicodipendenza per i lavoratori e i conducenti

L’Istituto è in grado di offrire il servizio completo per gli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope in lavoratori addetti a mansioni che comportano particolari rischi per la sicurezza, l’incolumità e la salute di terzi applicative del Provvedimento n. 99/CU 30/10/2007 (Gazzetta Ufficiale n. 266 del 15/11/2007) e dell’Accordo Stato/Regioni rep. atti n. 178 del 18 settembre 2008. 

Il servizio di raccolta dei campioni può essere svolto anche presso la sede dell’azienda tramite mezzo mobile. Il test tossicologico di screening viene eseguito dal laboratorio del nostro Istituto, l’eventuale test di conferma dal Laboratorio di Sanità Pubblica U.F. Tossicologia Occupazionale.

Informativa per le aziende 

Accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope in lavoratori addetti a mansioni che comportano particolari rischi per la sicurezza, l’incolumità e la salute di terzi applicative del Provvedimento n. 99/CU 30/10/2007 (Gazzetta Ufficiale n. 266 del 15/11/2007) e dell’Accordo Stato/Regioni rep. atti n. 178 del 18 settembre 2008

In estrema sintesi si riporta il significato dei provvedimenti in oggetto che mirano alla individuazione del consumo anche sporadico di sostanze stupefacenti nei lavoratori addetti a mansioni che comportano rischi per la sicurezza di terzi:

1) Il Datore di lavoro comunica al medico competente per iscritto la lista dei lavoratori da sottoporre ad accertamento e la relativa mansione lavorativa, aggiornandola successivamente periodicamente (con frequenza minima di un anno) e tempestivamente (nuovi assunti, cessazione mansioni a rischio)

2) Entro 30 giorni dal ricevimento della suddetta comunicazione il medico competente stabilisce il programma degli accertamenti sanitari definendo date e luogo concordandole con il Datore di lavoro e le trasmette allo stesso per iscritto.

3) il Datore di lavoro comunica al lavoratore con non più di un giorno di anticipo, la data l’ora e il luogo dell’effettuazione dell’accertamento.

4) Contestualmente alla visita medica (che dovrà essere volta anche a rilevare segni e sintomi riferibili all’assunzione di stupefacenti ecc.) dovrà essere effettuato prelievo del campione urinario.


Gli accertamenti suddetti devono essere eseguiti:
  • pre-affidamento della mansione a rischio
  • periodicamente con individuazione casuale (da parte del D.L.) dei lavoratori da inviare in modo da rendere l’accertamento non prevedibile da parte del lavoratore
  • per ragionevole sospetto (su segnalazione scritta del D.L.) dopo incidenti alla guida
  • follow up dopo sospensione per esito positivo (almeno 1 volta al mese per 6 mesi)
  • al rientro al lavoro dopo sospensione per esito positivo

Se il lavoratore non si presenta senza giustificato motivo:
  • l’assenza dovrà essere immediatamente comunicata al datore di lavoro contestualmente alla data di riconvocazione (entro 10 gg)
  • il lavoratore dovrà essere sospeso dalla mansione fino all’esecuzione del test
  • in caso di ulteriore mancata presentazione il lavoratore viene sospeso dalla mansione a rischio e dichiarato inidoneo per “impossibilità materiale a svolgere gli accertamenti”
  • comunque nel caso di mancata presentazione anche giustificata da cause di forza maggiore (certificato malattia emesso dopo la convocazione ecc.) esclusi i casi in cui per motivi di servizio l’azienda riterrà giustificato il lavoratore il test dovrà essere eseguito almeno 3 volte nei successivi 30 giorni.

Per completezza di informazione i ricordano le principali mansioni soggette a controllo (oltre ad altre di interesse particolare)
1. Impiego di gas tossici (art. 8 del regio decreto 1927, e successive modificazioni)
2. Mansioni inerenti le attività di trasporto fra cui: conducenti di veicoli stradali per i quali e' richiesto il possesso della patente di guida categoria C, D, E, e quelli per i quali e' richiesto il certificato di abilitazione professionale per la guida di taxi o di veicoli in servizio di noleggio con conducente, ovvero il certificato di formazione professionale per guida di veicoli che trasportano merci pericolose su strada
3. addetti apparecchi di sollevamento, esclusi i manovratori di carri ponte con pulsantiera a terra e di monorotaie
4. addetti alla guida di macchine di movimentazione terra e merci.

Procedure per gli accertamenti sanitari di assenza di uso di sostanze stupefacenti
a) test neg. rilascio della certificazione di idoneità espressa con la seguente dizione “idoneità alla mansione per quanto attiene agli accertamenti previsti dal provvedimento n.99/CU 30/10/2007 (G.U. n.266 del 15/11/2007)”
b) test positivo compilazione del verbale ed invio dei campioni al laboratorio ASL per le analisi di conferma
c) nel caso che il lavoratore dichiari a verbale l’uso di sostanze stupefacenti e nel caso di positività al test di conferma (il risultato dovrà pervenire entro 10 gg) il lavoratore sarà dichiarato “temporaneamente inidoneo alla mansione” ed inviato al SERT di competenza.
d) Il lavoratore ha facoltà di richiedere entro 10gg con atto formale. le controanalisi al medico competente. In questo gli oneri sono a carico del lavoratore.

Procedure per l’esecuzione contestuale visita/test
1) Il lavoratore viene accolto ed identificato dal personale di accettazione sulla base della lista di appuntamenti a suo tempo concordata con l’azienda ed accompagnato all’ambulatorio.
2) Al lavoratore vengono consegnati il contenitore per urine e l’etichetta a) e a1) (apposta su una etichetta più grande per sigillare il campione)
3) Il medico, dopo aver fatto firmare una copia dell’autocertificazione al lavoratore ed averne raccolto i dati identificativi, invita il lavoratore ad aspettare in sala di attesa che il personale del laboratorio lo convochi per la raccolta del campione
4) Dopo la consegna dei referti da parte del laboratorio il medico richiama i lavoratori per completare la visita e compila il certificato di idoneità prestampato in doppia copia riconsegnandolo al personale dell’accettazione.
5) nel caso che il referto sia positivo per uno o piu’ analiti il medico competente insieme al lavoratore e al sanitario prelevatore si recano in sala prelievi per la compilazione del verbale e la suddivisione del campione in due aliquote per le analisi di conferma e l’eventuale controanalisi.
6) Il verbale sarà compilato in triplice copia (lavoratore, medico e laboratorio)
Si raccomanda di:
  • informare i lavoratori il significato e la procedura degli accertamenti
  • non interferire con le attività del laboratorio
  • trattenersi in ambulatorio fino al completamento degli esami
  • convocare come ultima(e) visita (e) i lavoratori risultati positivi.

Procedure per la visita con prelievo e/o analisi differite

A seguito della visita medica che deve prevedere la compilazione dell’autocertificazione il lavoratore viene inviato presso la sede dove sarà eseguita la raccolta del campione.
Gli appuntamento dovranno essere preventivamente concordati con:
1) Istituto San Lorenzo (sede)
2) Istituto San Lorenzo (mezzo mobile)
3) Istituto analisi IGEA
Il mezzo mobile potrà essere utilizzato anche contestualmente alle visite mediche qualora il numero dei campioni da raccogliere sia sufficiente a giustificarne l’impiego.
La raccolta dei campioni con mezzo mobile e quella in laboratorio (in assenza del medico competente) sono eseguite da personale paramedico appositamente istruito e si svolgono secondo la seguente procedura:
  • identificazione del lavoratore
  • consegna del contenitore
  • divisione del campione in tre aliquote che vengono sigillate ed identificate con etichette A B C e sono contrassegnate dalle firme del lavoratore e del prelevatore.
  • Compilazione del verbale di prelievo

Risultato dei test
Viene comunicato direttamente al medico competente entro 24 ore dall’esecuzione dei test. Nel caso di positività del test di screening il campione B viene inviato direttamente al laboratorio pubblico per il test di conferma.
In questo caso, il referto definitivo sarà disponibile entro 10 gg dall’invio.

Rientro al lavoro dopo sospensione per Test Positivo
Acquisiti gli elementi valutativi il medico del SERT certificherà la diagnosi utilizzando il modulo in Allegato C che dovrà esser trasmesso al medico competente assieme ad una copia degli esiti degli esami di laboratorio effettuati.
La certificazione riporterà se siano o meno soddisfatti, allo stato attuale, i criteri diagnostici dell’ICD 10 per dipendenza (cod. F1.x2) dalle classi di sostanze esaminate.
Ove i criteri diagnostici dell’ICD 10 non risultino soddisfatti, il SERT riporterà nelle note dell’allegato C la comunicazione al medico competente in ordine agli accertamenti clinici e tossicologici di secondo livello che non abbiano esitato in diagnosi di tossicodipendenza.
Il lavoratore sarà comunque sottoposto a specifico monitoraggio individualizzato per almeno sei mesi a cura del medico competente prima del reintegro nella mansione a rischio.
Ove i criteri risultino soddisfatti il lavoratore, per essere riammesso all’esercizio delle mansioni a rischio, dovrà sottoporsi ad un programma terapeutico individualizzato.
L’esito positivo del programma terapeutico sarà certificato dal medico del SERT ove i parametri diagnostici non risultino soddisfatti per almeno 12 mesi (remissione completa).

Per maggiori informazioni in merito ad analisi di medicina del lavoro

Il personale qualificato dell'Istituto di analisi mediche San Lorenzo è a disposizione di aziende e professionisti ai seguenti recapiti:

  • numeri di telefono: 055 600546 e 055 611646; 
  • numero di fax: 055 610287; 
  • e-mail della sede di Firenze: paolo.romanelli@istitutosanlorenzo.it; 
  • e-mail della sede di Livorno: info.li@istitutosanlorenzo.it.

Grazie alla lunga esperienza nel settore, il laboratorio dell'Istituto di analisi mediche San Lorenzo è considerato un punto di riferimento la medicina del lavoro e per esami clinici, nonché per gli accertamenti di sicurezza sul lavoro, nel territorio della regione della Toscana e anche in tutta Italia.